Miguel Castro Caldas

Miguel Castro Caldas  è drammaturgo, traduttore e insegna drammaturgia e short fiction alla School of Arts and Design. Per il teatro ha lavorato, fra gli altri, con Bruno Bravo, Jorge Silva Melo, Gonçalo Waddington, Miguel Loureiro, António Simão, Tiago Rodrigues, Teresa Sobral, Raquel Castro, Pedro Gil, Lígia Soares, Gonçalo Amorim, Rute Rocha, tra gli altri. I suoi testi sono pubblicati nella raccolta Livrinhos de Teatro dos Artistas Unidos e dagli editori Ambar, Douda Correria, Mariposa Azual, Culturgest, Primeiros Sintomas e nelle riviste Artistas Unidos, Fatal e Blimunda. Ha tradotto Samuel Beckett, Harold Pinter, Ali Smith, William Maxwell, Joyce Carol Oates, Salman Rushdie, Senel Paz, tra gli altri. Ha vinto il premio SPA per la migliore rappresentazione teatrale con il suo testo “Se eu vivesse tu Morrias”.

 

Miguel Castro Caldas is a playwright, translates and teaches playwriting in the Theater degree at the School of Arts and Design. Teaches also Short Fiction. He worked in theatre with Bruno Bravo, Jorge Silva Melo, Gonçalo Waddington, Miguel Loureiro, António Simão, Tiago Rodrigues, Teresa Sobral, Raquel Castro, Pedro Gil, Lígia Soares, Gonçalo Amorim, Rute Rocha, among others. Some of his texts are published in the collection Livrinhos de Teatro dos Artistas Unidos, the publishers Ambar, Douda Correria, Mariposa Azual, Culturgest, Primeiros Sintomas, and in the magazines Artistas Unidos, Fatal and Blimunda. He translated Samuel Beckett, Harold Pinter, Ali Smith, William Maxwell, Joyce Carol Oates, Salman Rushdie, Senel Paz, among others. He won SPA Prize for best-staged play with Se eu vivesse tu Morrias.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra Cookie Policy e la nostra Privacy Policy. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.